“Analisi delle schede dallo 0 ai 4 anni dello Standard-OMS”- dott. Gilberto Gobbi

Dopo l’articolo del prof. Alessandro Benigni e il video del mio intervento sulla pedofilia, pubblichiamo uno scritto del dott. Gilberto Gobbi, psicologo e psicoterapeuta, che riporta una riflessione sullo “Standard per l’Educazione Sessuale in Europa”. Il dott. Gobbi affronta la fascia 0/4 anni dello Standard.

ANALISI DELLE LE SCHEDE DALLO 0 AI 4 ANNI DELLO STANDARD-OMS

di Gilberto Gobbi

Precursori della percezione sessuale – Il documento parla di precursori delle percezioni sessuali, che iniziano nel grembo materno e si trasformano successivamente continuando per tutto l’arco della vita. Vi è, cioè, nel bambino la capacità di godere del contatto fisico proprio dell’interazione “tonico-emozionale” con la madre già nel grembo. Questo godere del contatto fisico viene identificato come precursore delle percezioni sessuali e quindi delle pulsioni. Le ricerche in questo ambito confermano che vi è una profonda interazione “psicoaffettiva” tra madre e bambino sin nel grembo materno.

Sappiamo anche che il contatto fisico è decisivo per la percezione del sé corporeo e la costruzione dell’immagine inconscia di sé. Ognuno di noi, sin dal primo vagito, inizia a formare nel profondo della psiche l’immagine del proprio corpo, profondamente connessa a quella della propria identità psicocorporea. Vi è un processo  impercettibile tra la psiche e il corpo, per cui il corpo diviene parte integrante del contenuto psichico. Il piacere, ma anche il dispiacere, deriva dalla fusionalità psicofisica iniziale con il corpo della madre: attraverso il contatto corporeo vengono espresse le emozioni positive e negative, si instaura una circolarità emozionale tra madre/bambino, per cui le emozioni della madre incidono sul comportamento del bambino e quelle del bambino incidono sul comportamento della madre. Vi è reciprocità. In psicologia si parla di interazione “tonico-emozionale”, perché attraverso la tonicità neuromuscolare vengono espresse le emozioni, positive e negative. L’interazione tonico-emozionale accompagnerà la persona lungo il corso di tutta la vita, con i suoi aspetti positivi e negativi, influenzando profondamente i vissuti, le emozioni e la stessa espressione delle capacità intellettive. Ogni bambino si gioca il futuro delle relazioni psicocorporee  nei primi mesi e anni di vita, perché in queste prime interazioni ha radici la strutturazione della personalità.

Continua a leggere

Annunci

Il pane amaro che vogliono imporre ai bambini

di Valentina Peloso Morana

Cari lettori di questo blog

in relazione a quanto descritto dal prof. Alessandro Benigni nel suo articolo pubblicato qui il 24 agosto scorso e che fa da cornice a quanto sto per descrivervi, pubblichiamo un mio intervento tenuto a Gorizia il 30 luglio 2015 presso la parrocchia di don Walter. Alcuni, stanno cercando con lunga preparazione nell’ombra, di far passare come accettabile, ciò che non lo è. La pedofilia è distruttiva per lo sviluppo dei bambini, sia che sia agita in modo violento, sia che sia agita in modo “delicato”.

Sono oltre 20 anni che mi occupo di contrastare la pedofilia che è sempre stata sommersa nel nostro Paese. Mai mi sarei immaginata che in questo secolo, se ne parlasse in termini positivi per la collettività. Si è passati da un silenzio tombale, con uccisioni di persone che contrastavano il fenomeno, a una disinvoltura nella presentazione in società di questo crimine orrendo, che tale rimane in qualsiasi forma. La conoscenza è la via per abbattere la pedofilia e proteggere tutti i bambini.

 

 

 

 

 

“Accettare l’inaccettabile: è diventato possibile”

Ospitiamo nel nostro blog questo importante scritto del prof. Alessandro Benigni, che è dal 2003, docente di ruolo di Filosofia e Psicologia nei Licei. Collabora con diverse riviste on-line ed è webmaster del blog ontologismi.wordpress.com

Accettare l’inaccettabile: è diventato possibile.

(leggi l’articolo completo: Sulla libertà di espressione, ma non di ragione)

di Alessandro Benigni

 

E’ dell’anno scorso fa la notizia di “quel pazzo giudice australiano” che aveva “osato” accostare omosessualità e pedofilia. Chi se la ricorda? “Pedofilia e incesto: un giorno saranno accettati come lo sono oggi i gay“. Queste “le parole shock” di Garry Neilson, un giudice che per aver notato l’evidente ha passato un mare di guai.

Il ragionamento del giudice, nella sua terrificante banalità, ricalca esattamente i meccanismi con cui atti e fatti che ieri erano assolutamente vietati, domani saranno più che plausibilmente socialmente condivisi: “Magari un giorno incesto e pedofilia saranno accettati dalla società e non saranno più tabù, proprio come è successo con le unioni gay“, ha dichiarato il giudice: “Una giuria potrebbe non vedere nulla di deplorevole nel rapporto di un fratello con sua sorella una volta che lei fosse maturata sessualmente, avesse avuto relazioni sessuali con altri uomini e fosse diventata “disponibile”, senza un partner fisso“. Secondo il giudice il tabù legato all’incesto sarebbe dovuto esclusivamente al timore di anormalità genetiche in caso di prole, ma anche quel problema potrebbe essere spazzato via dagli “ottimi metodi contraccettivi e dal libero accesso all’aborto“. A parte l’abominevole tesi, alla luce di quanto abbiamo visto fin qui, mi chiedo: che c’è che non va dal punto di vista della sequenza logica del suo discorso? Continua a leggere

Oltre le fiabe, siamo noi.

di Valentina Peloso Morana

Cari lettori di questo blog

Sintetizzo a seguire la base scientifica del mio pensiero in materia di sviluppo dell’età evolutiva. Ho preparato una Dottrina, che vi presento. E’ solo una piccola parte dei miei studi trentennali sull’Uomo. Quello che affermo in difesa dei bambini, dei ragazzi e della famiglia, trova le sue fondamenta nella parole degli scienziati tra i più grandi al mondo, nelle diverse epoche, nella storia del mondo. Questo di oggi è solo un piccolo anticipo:

                                                           DOTTRINA

La presente dottrina si suddivide in due argomenti: 1) Lo sviluppo psicosessuale e dell’Io nel bambino; 2) Studi sul disegno infantile Continua a leggere