Alla ricerca della “vera” falsa accusa

Di Valentina Morana

È PIU’ DIFFICILE TROVARE UN FUNGO VELENOSO IN UN BOSCO E SCAMBIARLO PER VERO, CHE LEGGERE STUPIDAGGINI COLOSSALI SUL WEB E INCULCARLE PER VERE

Ho trovato questo in rete. Divertente. Peccato che non ne abbiano imbroccata mezza.

A seguire la mia Nota.

A proposito delle “terribili ricadute” delle imbecillità del web:

dalla Associazione “Nuovi Orizzonti”

FALSE ACCUSE

set 20, 2013

Quello delle false accuse è un tema molto discusso nello spazio virtuale del web ma che ha delle terribili ricadute nella vita reale poiché fornisce alibi culturali a chi agisce violenza di genere. La mistificazione è opera di maschilisti che in questo modo, con la teoria delle false accuse di violenza contro gli uomini, si mettono la coscienza a posto.

I dati statistici ufficiali hanno già dimostrato che questa teoria delle false accuse è una pura invenzione e quindi non ce ne occuperemo

In questo spazio vogliamo occuparci invece delle ‘vere’ false accuse (perdonate l’ossimoro) che vengono ‘sparate’ contro le donne al momento della separazione coniugale. Gli ex-mariti, soprattutto nei casi di separazioni altamente conflittuali, che fanno seguito a violenza intrafamiliare o ad abusi sessuali sui figli, utilizzano ogni mezzo per vendicarsi della ex-moglie non escluse le false accuse di malattie inesistenti da cui sarebbero affette.

Le mogli degli uomini violenti, persone normalissime sino a poco prima della separazione, sembrano improvvisamente ammalarsi di colpo, qualche secondo dopo la separazione coniugale, delle malattie più inverosimili (PAS, o sindrome di alienazione genitoriale, sindrome della madre malevola, sindrome di Münchausen per procura, ecc.).

Trovano naturalmente fior ‘fiori’ di professionisti (assistenti sociali, psicologi, psichiatri, neuropsichiatri infantili) disposti a certificare la presenza di queste strane malattie, molto spesso senza nemmeno visitare le donne ammalate; lo faranno per non contagiarsi, chissà.

Ecco, questo è il nostro target: le ‘vere’ false accuse contro le donne e i bambini al momento della separazione coniugale da uomini violenti o abusanti.

Nelle pagine seguenti pubblicheremo il materiale che ci è pervenuto sulle false accuse di PAS; chi ha del materiale da segnalarci può inviarlo al seguente indirizzo di posta elettronica: falseaccuse@alienazionegenitoriale.org

Nota:
Immagino che questa associazione, non sappia che le false accuse in Italia, coprono tutti i settori di intervento. In alcuni settori sono molto elevate, in altri meno. Chi lavora nell’ambito lo sa, perché partecipa alle operazioni di raccolta delle prove e a tutte le fasi del processo. Sono le procure che hanno tutti i dati, perché sono le procure che chiedono l’archiviazione o il rinvio a giudizio. L’articolo invece dice che non esistono false accuse di violenza sessuale, anche se talvolta pure i telegiornali e i giornali ne hanno parlato (trovi sempre quella che si inventa le cose per risolvere un altro problema, e c’è chi lo ha ammesso). Come pure è vero che esistono donne che vengono violentate e subiscono poi una seconda violenza ( psicologica) dentro alcune aule dei tribunali, perché gli imputati sono maschi di potere.

Non si capisce in base a quale pensiero logico, non esisterebbero false accuse di violenza carnale, mentre esisterebbero le “vere” false accuse sparate contro le donne in fase di separazione. Immagino sempre fatte da un’orda di maschilisti manipolatori, secondo lo scritto, che mi ricorda le farneticazioni di un tizio a proposito dei comunisti. Hanno scritto “vere” tra virgolette e questo per la filosofia del linguaggio la dice lunga. Ossimoro? O confusione involontaria o volontaria?

In pratica dicono che maschi maltrattanti e abusanti, accuserebbero le ex mogli di malattie inesistenti, che sarebbero: Pas, Sindrome della madre malevola, Sindrome di Münchausen. Ma perché se non sapete le cose, vi ostinate a scrivere amenità?

La PAS non è una malattia (ma ci fate o ci siete?) ma un disturbo relazionale familiare e poi allargato a un intero nucleo di origine.

La Sindrome della Madre Malevola non è una malattia ma una forma di comportamento.

La Sindrome di Münchausen non è una malattia ma una diagnosi pediatrica. La fanno i pediatri in base ai sintomi e segni presenti sul corpo del bambino.

Perciò i “fior fiori” di professionisti che certificano queste “malattie” chi sono, se nemmeno chi ha scritto sapeva di cosa stava parlando, specie a proposito di malattie?

Allora, chi è che fa Mistificazione?

Il finale poi lo trovo strepitoso: hanno pure messo un target. Forse girano un film di fantascienza truculento stile paure americane, con il titolo Alla ricerca della “vera” falsa accusa girato negli studi televisivi delle Lobesie Botrane, vere esperte del problema.

Non sarà che invece queste “vere” false, nascondano problematiche di territorio psichiatrico? Perché mi chiedevo: che fanno le persone alle quali viene certificata una diagnosi psichiatrica durante una disputa di affido? Se non accettano, mi chiedo, che fanno? Magari si inventano un target da passare a qualche disorientato per portare avanti una causa personale che nulla ha a che vedere con le “statistiche” ufficiali.

Perché il Web è anche intriso di molta pazzia oltre che di devastante ignoranza.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Alla ricerca della “vera” falsa accusa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...