Quando il cuculo incontrò l’uccello padùlo

Di Valentina Morana

Cari lettori di questo blog,

Si preannuncia un autunno parecchio movimentato. Finalmente stanno per implodere la maggior parte dei partiti politici, che nulla hanno a che fare con il pensiero e i bisogni del popolo italiano.

Avevano ragione i Maya, per altro sopravvissuti a tutte le invasioni straniere, quando dicevano che sarebbe cominciata l’era della verità e della luce, e sarebbe finita l’era della bugia e dell’ombra. Sapevano (e sanno) leggere gli avvenimenti e il tempo. Come i fratelli egizi e tanti altri.

La Nostra Campagna per il condiviso ha sollevato un vespaio. È bastato dire che avevamo un leader e un progetto, per far agitare acque poco chiare. Le Lobesie Botrane hanno cominciato a spruzzare veleno, la Copiona Dimezzata con un ago in mano si è messa ad attaccare della serie “do cojo cojo” e sono comparsi all’orizzonte i cuculi. Era un po’ che li aspettavo i cuculi.

Cosa fa il cuculo? Mette l’uovo nei nidi degli altri e butta giù, rompendole, le uova presenti. Oppure il cuculo mette l’uovo nel nido di altri e se ne va. Quando si schiudono le uova, il cuculo prima si mangia i fratellini che lo avevano adottato e poi anche la mamma. Il problema sorge se il cuculo sbaglia e mette il suo uovo nel nido di un’aquila. Quando le uova si schiudono, i piccoli di aquila riconoscono il cuculo come nemico e lo attaccano, sbranandolo. Compiendo in questo modo la nemesi naturale per tutte le altre vittime. Sempre che non ci pensi mamma o papà aquila. È noto che i piccoli di aquila, come di molte altre specie, sono cresciuti e protetti da entrambi i genitori.

La Nostra Campagna ha mosso le acque anche all’interno del movimento in rete a favore del condiviso. L’Italia si sa, è affetta da narcisismo nazionale. E così, se da una parte c’è il sistema e i suoi servi, comincia finalmente a uscire anche quella fetta di persone che usa il movimento per il condiviso, per scopi personali.

Compaiono titoli professionali autoattribuiti e convegni “importantissimi” come quelli delle Lobesie Botrane (alle quali si potrebbero accompagnare facendo un servizio a tutti, basta scavalcare la trincea di separazione). E non ci risparmiano attacchi sguaiati in rete, che rivelano la loro totale ignoranza di cosa succede dentro il Palazzo. Gli piace credersi paladini del condiviso. Non bastavano le paladine delle canne al vento. E così attaccano noi de La Nostra Campagna per fare i capetti del movimento in rete. Ma rifiutano il confronto, cancellando i nostri commenti e spargendo in giro informazioni non vere. Vogliono prendere il lavoro ventennale di Marino Maglietta e usarlo come proprio, leggermente modificato. Non sono diversi dai nostri nemici. Uno del gruppo cuculi, lo scorso anno mi ha contattato per avere spiegazioni e materiale sul condiviso di cui non sapeva nulla. Gli ho scritto mail di spiegazione e gli ho mandato la relazione che avevo preparato su richiesta dei senatori di idv, di cui facevo parte, accompagnata da alcune audizioni di gruppi. Non capiva niente perché non sapeva niente. Parliamo di mesi fa. Oggi è diventato per autoproclamazione uno degli esperti dei cuculi del condiviso e si pone in contrapposizione al nostro Leader, dal quale ha copiato tutto senza capire niente e senza saperlo a volte. Potremmo presentargli la Copiona Dimezzata, magari scoppia una passione pazzesca oppure si sbranano a vicenda. Chissà

La nostra risposta ai cuculi:

Egregi cuculi

L’ottimo lavoro vostro, si contrappone al buono nostro. Certo si potrebbe fare di meglio, ma esistono prezzi politici che si è costretti a pagare per fare passi avanti. Poi tutto si può migliorare. Forse non avete capito che siamo in XVII Legislatura, che è dispari, ovvero con maggioranza (Pd in particolare). Forse non avete capito che il punto di riferimento dei nostri avversari politici è il Pd. Che significa: magistratura ( se non capite cosa succede a quel livello non possiamo farci niente), l’avvocatura ( avete idea di quanti parlamentari sono avvocati, e soprattutto avete idea del numero di operatori del giudizio che si sono occupati del ddl 957?) e le veterofemministe (che con le vere femministe non c’entrano niente, come voi con il condiviso).

Perciò, in una situazione politica di sesto grado superiore, già riuscire a far depositare e discutere un testo, che comunque rappresenta un avanzamento, sarebbe già un miracolo. Facciamo i migliori complimenti ai cuculi, se non solo ottengono questo, ma anche il 50% della frequentazione, anche quando il bimbo ha sei mesi e i genitori vivono a 1000 km di distanza. Complimenti davvero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...